Un nuovo probabile impatto su Giove – Settembre 2012

Share Button

Giove non ci lascia il tempo per annoiarci! In queste ore è stato confermato il lampo osservato ieri, 10 Settembre, sulla sua atmosfera. Ancora una volta gli appassionati di astronomia si rivelano vere e proprie “sentinelle” del cielo. (In alto un fotogramma della ripresa effettuata da George Hall (Texas).)

La prima segnalazione è arrivata dal Wisconsin, Dan Petersen stava osservando con il suo telescopio Meade LX200 da 12 pollici ed una torretta binoculare. A circa 400 à— ha notato un brillante lampo durato 2 secondi alle 11:35:30 UT lungo il bordo orientale di Giove.

A confermare la sua osservazione le immagini riprese da George Hall di Dallas, Texas. Osservando dal vialetto di casa sua – anche lui con un telescopio da 12 pollici Meade LX200 – Hall ha catturato il flash in un singolo fotogramma della sua ripresa. Non è ancora chiaro se questo lampo, probabilmente dovuto all’impatto di una piccola cometa o asteroide, genererà  una “macchia scura” nell’atmosfera del pianeta.

[box type="alert"]AGGIORNAMENTO 14 Settembre 2012[/box]

A distanza di qualche giorno la rapida rotazione di Giove (circa 10 ore) ci ha mostrato più volte la zona dove è stato registrato il lampo dell’impatto, astrofotografi ed osservatori di tutto il mondo hanno puntato i loro strumenti sul grande pianeta, non è stata rilevata perಠnessuna modifica sostanziale nell’atmosfera del grande pianeta.

Un evento non troppo raro, già  osservato da Gian Domenico Cassini.

In tempi recenti esplosioni simili sono già  avvenute a luglio 2009 e giugno 2010, risale al 1994 l’impatto della cometa Shoemaker-Levy 9, il primo evento di questo tipo osservato in diretta dall’uomo.

La cometa Shoemaker Levy 9 dopo essersi frammentata in numerosi pezzi precipitಠsu Giove lasciando enormi tracce nell’atmosfera del pianeta.

Ma anche il grande astronomo Gian Domenico Cassini, nato proprio qui a Perinaldo, probabilmente osservಠil residuo di un evento simile nel Dicembre del 1690. Le straordinarie osservazioni di Cassini ricordano molto da vicino la forma e l’evoluzione delle macchie lasciate dagli impatti osservati in tempi recenti.

Disegno di Giove effettuato da Cassini nel Dicembre del 1690 e pubblicato nel 1691 nel Journal des sà§avans.

Non sembrano quindi essere rari gli impatti di comete ed asteroidi su Giove che “paga il prezzo” della sua enorme forza gravitazionale.

Giove in queste notti

Non mancate quindi di osservare Giove in queste notti, il grande pianeta ruota su se stesso ogni 9 ore 50,5 minuti. La posizione dell’impatto sarà  nuovamente visibile questa notte a partire dalle 20:45. Giove sorgerà  poco prima della mezzanotte, ma bisognerà  aspettare ancora qualche ora per osservarlo abbastanza alto nel cielo, lontano dalla turbolenza e dalla foschia tipica del cielo prossimo all’orizzonte.

Buone osservazioni!

Giove nelle sere della prima parte di Settembre intorno all’una di notte.

 Per approfondire:

Perinaldo: due giorni di manifestazioni nel terzo centenario dalla morte di Gian Domenico Cassini

 

Share Button
Share this post:

Rispondi

*

AstroPerinaldo – AstroBlog - Background

Type to Search

See all results