Le Notti dei Pianeti: osservare 5 pianeti in una sola sera – Marzo 2012

Share Button

Per millenni l’uomo ha osservato nel cielo alcuni – astri erranti -, intrusi che si muovevano tra le immutabili stelle delle costellazioni: i pianeti. E per millenni i pianeti conosciuti sono stati solo cinque: Mercurio, Venere, Marte, Giove e Saturno. Solo nel 1781, poco più di due secoli fa, William Herschel grazie all’utilizzo del telescopio cominciಠad allargare questa famiglia scoprendo Urano.

Oggi la nostra visione del Sistema Solare è molto dettagliata e ricca e va ben oltre i cinque pianeti visibili ad occhio nudo, che conosciamo in grande dettaglio grazie alle sonde spaziali, non solo come punti luminosi nel cielo ma come mondi che nascondono grandi bellezze e complessità . (Vedi anche i nostri articoli su – Le Meraviglie del Sistema Solare – )

Nelle sere della prima parte di Marzo i cinque pianeti visibili ad occhio nudo* e la nostra Luna saranno gli assoluti protagonisti del cielo. Potremo infatti osservarli tutti molto comodamente nel corso di una sola sera! Pronti? Ecco il programma di questo “tour planetario”.

Orizzonte OVEST appena tramontato il Sole (ore 18,30 circa) – Mercurio

Iniziamo subito dal più elusivo, Mercurio. A causa della sua vicinanza al Sole resterà  visibile per poco più di un’ora dopo il tramonto, dovremo quindi cercarlo in un cielo ancora parzialmente illuminato, un binocolo sarà  di grande aiuto.

Se osservato al telescopio Mercurio mostrerà  la sua fase, seguendolo da inizio mese per una decina di giorni potremo vedere chiaramente le sue fasi mutare, diventare sempre più sottile ma al tempo stesso aumentare le sue dimensioni.

Venere e Giove fino al giorno 5 ci potranno aiutare guidandoci verso di lui (vedi immagine sotto).

Orizzonte OVEST  dal tramonto del Sole alle ore 22,30 – Venere e Giove

Sicuramente non potrete confonderli, saranno i due astri più brillanti del cielo. Venere, più luminosa, e Giove si esibiranno in un vero e proprio spettacolo nel corso di Marzo. La sera del 12 e del 13 saranno vicinissimi regalandoci una bella congiunzione. Tutta questione di prospettiva comunque, nella realtà  Venere si trova ad “appena” 139 milioni di km dalla Terra mentre Giove si trova quasi 6 volte più lontano ad oltre 810 milioni di km di distanza da noi.

Orizzonte EST dal tramonto fino all’alba – Marte

Il pianeta rosso raggiungerà  l’opposizione il giorno 3 Marzo 2012, si troverà  quindi opposto al Sole, lo vedremo sorgere dall’orizzonte EST mentre il Sole tramonterà  sull’orizzonte OVEST. In realtà  per osservare Marte dovremo aspettare circa un’ora o due dopo il tramonto, quando il cielo sarà  più buio ed il pianeta si sarà  posizionato in zone di cielo più alte e lontane dalla turbolenza dell’orizzonte. Brillerà  tra le stelle del Leone, individuare il suo colore lievemente rosso-arancione sarà  un buon indizio per essere certi di star osservando l’oggetto giusto. Al telescopio per quanto non ci apparirà  enorme non sarà  difficile distinguere la calotta polare nord e con un po’ di attenzione alcune macchie scure, particolari della desertica superficie marziana.

Orizzonte EST dalle ore 22,30 – Saturno

L’ultimo pianeta che visiteremo nel nostro “tour” sarà  Saturno. In Marzo lo vedremo sorgere attorno alle 22 avendo un orizzonte orientale sgombro da impedimenti, ma in ogni caso già  a partire dalle ore 23 sarà  abbastanza alto nel cielo per cominciare ad osservarlo con profitto. Ad occhio nudo non sarà  difficile da individuare, per quanto tra i pianeti osservati fin’ora sarà  il meno luminoso, lo vedremo risplendere vicino alla stella Spica della Vergine (attenzione Saturno in questo periodo è lievemente meno luminosa della stella Spica). Non confondetevi con la stella Arturo, molto luminosa, che sorgerà  in direzione NORD-EST più o meno alla stessa ora.

Scoprire Saturno al telescopio è sempre uno spettacolo, varrà  assolutamente la pena aspettarlo!

Non basta? Aggiugiamo la Luna!

Dopo questo girovagare per il Sistema Solare possiamo anche sentirci un po’ stanchi…  insomma abbiamo sfiorato una distanza di un miliardo e mezzo di km guardando Saturno! àˆ ora di tornare sulla Terra :-) ma non senza aver dato uno sguardo alla nostra “vicina di casa”. La bella Luna aggiungerà  spettacolarità  a queste notti, si muoverà  nel cielo come simulato nell’animazione qui sotto.

I più attenti si sarano accorti che Luna e pianeti si muovono in una precisa zona di cielo, segnalata da una linea chiamata eclittica? Ecco di cosa si tratta.

Bene percorsi virtualmente questi miliardi di km a spasso per il Sistema Solare non ci resta che augurarvi buone osservazioni ed invitarvi la sera del 10 Marzo all’osservatorio di Perinaldo, seguiremo questo stesso tour cominciando ad osservare alle 18,30 per finire poco prima di mezzanotte, con buffett per chi vorrà  rinfocillarsi vista tutta la strada che percorreremo :-)

* in realtà  in condizioni molto favorevoli e sotto un cielo perfettamente buio anche il pianeta Urano è visibile ad occhio nudo, ma essendo decisamente debole non è mai stato notato dagli astronomi del passato.

Share Button
Share this post:

Rispondi

*

AstroPerinaldo – AstroBlog - Background

Type to Search

See all results