LHC: individuata una particella simile al bosone di Higgs, la famosa "particella di Dio".

Share Button

Grande emozione al seminario al CERN e grande partecipazione in rete, in particolare su Twitter, per un evento davvero storico che apre nuove prospettive per la fisica e per la comprensione di tutto ciಠche ci circonda. Enorme la soddisfazione anche per l’Europa grande protagonista di questa ricerca.

àˆ un osso duro questa particella essenzialmente perchà© l’energia alla quale si trova è molto elevata e per poterci arrivare ci è voluta quella macchina fantastica che è il nuovo grande acceleratore del CERN che ha battuto tutti. Abbiamo battuto alla grande gli americani, noi siamo molto fieri come europei e ripeto in particolare Fabiola Gianotti italiana, una donna, a capo dello strumento principale che ha scoperto la particella. - Giovanni Bignami, presidente dell’Istituto Nazionale di Astrofica a SkyTG24 04/07/2012

Scusate se non citiamo i tanti che attraverso Twitter ci hanno permesso di emozionarci e seguire il seminario, ma crediamo che il tweet di Nicola Torquati sintetizzi perfettamente l’importanza di questo giorno:

‏@ntorquati
è come essere presente quando cadde la mela sulla testa di #newton #bosone #higgs #scienza

Le lacrime di Peter Higgs che negli anni ’60 insieme a  Franà§ois Englert, Robert Brout e Gerald Guralnik con C. R. Hagen e Tom Kibble teorizzಠtra le altre cose la presenza del bosone che ora porta il suo nome.

Puntata del 4 Luglio 2012 di Radio3Scienza dedicata alla scoperta.

Il Bosone di Higgs


Il fisico teorico del Cern John Ellis spiega cos’è e come funziona il Bosone di Higgs

Comunicato stampa del CERN – Versione orginale

Oggi  4 luglio 2012 a Ginevra in un seminario tenutosi presso il CERN gli esperimenti ATLAS e CMS hanno presentato i loro ultimi risultati preliminari nella ricerca della particella di Higgs. Entrambi gli esperimenti osservare una nuova particella nella regione di massa attorno a 125-126 GeV.

“Si osserva nei nostri dati chiari segni di una nuova particella, al livello di 5 sigma, nella regione di massa intorno 126 GeV. Le eccezionali prestazioni del LHC e ATLAS e gli enormi sforzi di molte persone ci hanno portato a questa fase emozionante “, ha detto il portavoce dell’esperimento ATLAS Fabiola Gianotti, “ma è necessario un po’ di tempo per preparare questi risultati per la pubblicazione.”

“I risultati sono preliminari, ma il segnale a sigma 5 a circa 125 GeV a cui stiamo assistendo è sensazionale. Questa è davvero una nuova particella. Sappiamo che deve essere un bosone ed è il più pesante bosone mai trovato”, ha detto il portavoce dell’esperimento CMS Joe Incandela . “Le implicazioni sono molto significativi ed è proprio per questa ragione che dobbiamo essere estremamente diligente in tutti i nostri studi e controlli incrociati”.

“E ‘difficile non emozionarsi da questi risultati”, ha detto CERN Research Director Sergio Bertolucci. “Abbiamo dichiarato lo scorso anno che nel 2012 avremmo trovato una particella con le caratteristiche del bosone di Higgs o ne avremmo escluso la presenza. Con tutta la cautela necessaria, mi sembra che siamo ad un punto di diramazione: l’osservazione di questa nuova particella indica il percorso per il futuro, verso una comprensione più dettagliata di ciಠche stiamo vedendo nei dati “.

I risultati presentati oggi sono etichettati preliminare. Essi si basano su dati raccolti nel 2011 e nel 2012, con i dati del 2012 ancora sotto analisi. La pubblicazione delle analisi riportate oggi è previsto per la fine di luglio. Un quadro più completo delle osservazioni di oggi uscirà  entro la fine dell’anno dopo l’LHC fornisce gli esperimenti con altri dati.

Il prossimo passo sarà  quello di determinare l’esatta natura della particella e il suo significato per la nostra comprensione dell’universo. Sono le sue proprietà  come quelle prevista per il lungo cercato bosone di Higgs, l’ultimo ingrediente mancante nel Modello Standard della fisica delle particelle? O è qualcosa di più esotico? Il Modello Standard descrive le particelle fondamentali da cui siamo fatti, e ogni cosa visibile nell’universo, e le forze che agiscono tra di loro. Tutta la materia che possiamo vedere, tuttavia, sembra essere non più di circa il 4% del totale. Una versione più esotica della particella di Higgs potrebbe essere un ponte per comprendere il 96% dell’universo che rimane oscuro.

“Abbiamo raggiunto una pietra miliare nella nostra comprensione della natura”, ha detto direttore generale del CERN Rolf Heuer. ” La scoperta di una particella coerente con il bosone di Higgs apre la strada a studi più dettagliati, che richiedono grandi statistiche e potranno definire con precisione le proprietà  della nuova particella, e probabilmente far luce su altri misteri del nostro universo. ”

Identificazione positiva delle caratteristiche della nuova particella si prenderà  tempo e dati. Ma qualunque forma la particella di Higgs prende, la nostra conoscenza della struttura fondamentale della materia è in procinto di compiere un importante passo in avanti.

Per approfondire:

Un Bosone c’è: è quello di Higgs? – Keplero.org, Amedeo Balbi

“Ma diciamo la verità : a questo punto è estremamente probabile che, a meno di enormi sorprese, il 4 luglio 2012 sarà  ricordato semplicemente come il giorno in cui tutto il mondo ha guardato per la prima volta in faccia il bosone di Higgs (e le lacrime di Peter Higgs, presente all’annuncio nell’auditorium del CERN, sono la manifestazione eclatante di questa sensazione diffusa).

In ogni caso, puಠessere utile un ripasso per capire perchà© i fisici si dannano da decenni per raccogliere le prove dell’esistenza di questa particella. (..)”

Il signore di tutte le masse - Astri e Particelle, Roberto Battiston

“L'effetto del campo di Higgs si puಠparagonare a quello che proviamo quando siamo immersi nell'acqua e proviamo a muovere le braccia: facciamo molta più fatica che nell'aria, è come se la massa delle nostre braccia fosse molto più grande. In modo simile le particelle che interagiscono molto con il campo  di Higgs hanno una grade massa e viceversa, fino al fotone che avendo massa nulla non ci interagisce in modo diretto, ma solo tramite effetti al secondo ordine perturbativo.”

Ecco il bosone di Higgs – Wired.it

“Anche l’ Italia, sottolinea Ferroni, ha avuto un ruolo fondamentale nella scoperta: “ Sono stati anche i nostri scienziati, i nostri professori, i nostri giovani ricercatori a contribuire a questo successo. Per vent’anni si sono sacrificati e questo è un merito che va loro riconosciuto: se non sei bravo, nella fisica non vai da nessuna parte”. Poi è il momento delle congratulazioni del ministro Profumo: “ àˆ una giornata speciale, un bel momento. Siamo fieri di questo risultato, che premia l’eccellenza italiana. Si aprono nuovi orizzonti per la fisica delle alte energie e nuove sfide per la conoscenza umana in generale (..)

Share Button
Share this post:

Rispondi

*

1 commento

  1. Pingback: Bosone di Higgs | Apri la Mente

AstroPerinaldo – AstroBlog - Background

Type to Search

See all results